lunedì 7 ottobre 2013

Partendo da un ovale

La collana di oggi è un esempio  di come la corda si può usare per creare una forma per poi modellarla a mano e trasformarla in qualcosa di unico. Forse non ci crederete, ma il ciondolo che vi sto per mostrare è di base un ovale con buco al centro, poi le mani cominciano a modellare la forma di base e pian pianino quell'ovale diventa una goccia e poi… stringi in basso, ripiega in alto come se fosse la tesa di un cappello e il risultato è qualcosa che non ha nulla a che fare con la forma iniziale.
A questo punto inizia la parte di lavoro in cui osservo quello che ne è uscito e provo ad immaginare come poterla finire, che tipo di rivestimento usare, che ti po di decoro. Certo le possibilità sono infinite, ma alla fine i focalizzo sempre su quello che in quel momento credo sia l'unico, la sabbia ne ricopre una parte seguendo la line a del foro centrale, la gommalacca le fa da contorno e due fili di corda accompagnano i frammenti, creano i due occhi, si attorcigliano alla parte alta per poi tagliare in due il buco.

Ciondolo in corda, sabbia e frammenti di conchiglie
































Cosa rappresenta? Forse il volto di un uccello, forse ricorda un po' una maschera africana, ma il bello è che ognuno di voi ci troverà qualcosa di diverso. Io intanto vi lascio questo profilo con sorriso.

Ciondolo FossalonArt in corda e sabbia
































Buona creatività a tutti… Alberto


3 commenti:

Carmen ha detto...

Ma che bello! Stupendo!

Alberto Ferrari ha detto...

Grazie mille Carmen.

Martina ha detto...

Ahhhh ma che bello**
Troppo simpatico quel sorriso ;)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...