martedì 28 gennaio 2014

Il groviglio dei ricordi

Questa mattina, mentre pensavo a cosa scrivere su questa collana, mi è tornato in mente quando da bambino mio papà mi portava a pescare, ricordo che mi divertivo tantissimo, però combinavo anche i miei disastri. Mentre si pescava, puntualmente mi succedeva di tirar su la mia piccola canna da pesca e la lenza era tutta attorcigliata su se stessa, non so come facevo, ma ci riuscivo. Chiamavo mio papà, gli mostravo il super groviglio e gli chiedevo, riesci a scioglierlo? E lui con la sua infinita pazienza si metteva lì e pian pianino risolveva il problema.

Beh, sono passati ormai più di trent'anni, non uso più la lenza da pesca, ma ogni tanto i miei grovigli ritornano a farmi visita e io mi metto lì con la speranza di avere quell'infinita pazienza che aveva mio papà e provo a sbrogliarli. A volte la vedo una cosa impossibile e preferisco prendere quell'ammasso di corda e compattarla ancora di più su se stessa per crearne delle piccole sculture, altre volte magicamente riesco a risolvere il problema, anche se non ho ancora capito come.

Ciondolo in corda, sabbia e frammenti di conchiglie
Poi ci sono quelle volte, come quella di questa collana, in cui scelgo di lasciar lì il groviglio così com'è, perché in fondo anche così ha un senso, è un parte di me che ogni tanto salta fuori e che magari spera, ancora una volta, di potersi girare da quella parte e trovare mio papà con la sua pazienza a sciogliere il nodo giusto e far tornare tutto a posto.

Buona creatività a tutti… Alberto


4 commenti:

Juicy Stones ha detto...

Mi piace il groviglio e mi piace il fatto di lasciare a volte che la propria natura faccia il suo corso e non venga per forza incanalata. Io ho la fortuna, e spero ancora per molto, di averlo ancora mio papà che scioglie i miei grovigli.....

Alberto Ferrari ha detto...

Grazie Stefania per il bellissimo commento… sono d'accordo con te che a volte bisogna lasciar andare le cose. Io lo dico sempre che quando lavoro la corda, un po' sono io che guido lei e un po' mi piace lasciarmi guidare dalla corda.

Io mio papà l'ho perso 14 anni fa e mia mamma quasi 3 anni fa, ma per entrambi è come se fosse ieri.

Un abbraccio
Alberto

Juicy Stones ha detto...

Mi dispiace Alberto, immagino che possa essere molto doloroso, come ti dicevo io sono fortunata ho ancora entrambi ma non sono giovanissimi perciò a volte penso a quando dovrà arrivare questo giorno...
Un abbraccio forte anche a te.

Alberto Ferrari ha detto...

Stefania, mi verrebbe da dirti una cosa che sembra scontata, ma ti assicuro che non è così.
Non pensare a quando dovrà arrivare quel giorno, ma goditi ogni giorno con loro come fosse l'ultimo…
Alberto

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...